312 Visitatori + 5 Utenti = 317

J. C., &re@, Sauron, Neo (Mr. Anderson), mauring
 [dilemma] upgrade da 981s a...?
 Mondo Auto (915 risp.)
 fenomeno del giorno
 Archivio media (2317 risp.)
 74 centesimi
 Mondo Auto (0 risp.)
 [vendo-elettronica] il fuoritutto ...
 Vendo (4 risp.)
 new entry: audi q7 3.0 tdi
 Mondo Auto (105 risp.)
 no al nuovo, si a mauring
 Mondo Auto (30 risp.)
 nürburgring: huracán sterrato vs h...
 Altre news... (1 risp.)
 mx-5 1.6
 Mondo Auto (10 risp.)
 già finito l'amore per l'auto elet...
 Altre news... (115 risp.)
 singapore local escorts
 Mondo Auto (5 risp.)
 [momento storico] non mi hanno dat...
 Mondo Auto (183 risp.)
 esperti acquisto pneumatici online...
 Mondo Auto (24 risp.)
 madbob
 Presentazioni e censimento (13 risp.)
 auto definitiva
 Mondo Auto (52 risp.)
 maaaa...gli adas dov'erano???
 Mondo Auto (28 risp.)
 comparativa filtri aria
 Service (34 risp.)
 homer
 Presentazioni e censimento (655 risp.)
 optional sottovalutato
 Mondo Auto (17 risp.)
 fate benza entro domani!
 Mondo Auto (5 risp.)
 svizzera a corto di energia
 Mondo Auto (3 risp.)
 f1 2022
 Sport (64 risp.)
 rav4 plug-in more style
 Mondo Auto (23 risp.)
 evitata la chiavata
 Mondo Auto (11 risp.)
 wall-e e' sempre piu' vicino
 Mondo Auto (5 risp.)
 ammortizzatori koni
 Tecnica (20 risp.)
 [venduto] caballero 500 scrambler ...
 Vendo (63 risp.)
 audi a4 b9 2.0tdi s-tronic 136cv
 Test su strada (58 risp.)
 bmw x5 ibrida o ford ranger raptor...
 Mondo Auto (51 risp.)
 trovarsi senza freni non è bello.....
 Auto d'epoca (14 risp.)
 tipi a confronto
 Mondo Auto (14 risp.)
 eicma 2022: il controsalone
 Mondo Moto (42 risp.)
 un po' di auto con prezzi dalla fi...
 Auto d'epoca (29 risp.)
 un pò di foto da american dreams a...
 Auto d'epoca (1 risp.)
 mobilità condivisa
 Mondo Auto (8 risp.)
 ma l'abs dov'era ???
 Tecnica (22 risp.)
 e' morto mauro forghieri
 Sport (2 risp.)
 test maserati biturbo si
 Auto d'epoca (17 risp.)
 vw: tasti touch ? anche no
 Altre news... (17 risp.)
 quesito su gomme invernali o cerch...
 Mondo Auto (32 risp.)
 vw passat variant 2.0tdi bmt [code...
 Test su strada (381 risp.)
 peccato, perché andava via molto b...
 Archivio media (3 risp.)
 ciao ragazzi ciao
 Altre news... (10 risp.)
 pordoi e sella solo con prenotazio...
 ilPistone viaggiatore (20 risp.)
 un' audi parcheggiata deturpa il p...
 Mondo Auto (3 risp.)
 codice velocità gomme invernali
 Consigli per l'acquisto (2 risp.)
 le app delle auto
 Mondo Auto (83 risp.)
 cambio moto
 Mondo Moto (51 risp.)
 sweet van chicago
 Mondo Auto (0 risp.)
 100 di questi gihornet
 Mondo Moto (26 risp.)
 il distributore di metano a prezzi...
 Mondo Auto (68 risp.)
 pensieri automobilistici di una ga...
 Mondo Auto (5 risp.)
 ferrari purosangue
 Altre news... (74 risp.)
 domanda urgente guaio scooter
 Service (134 risp.)
 imola: dbkiller per le cicale
 Mondo Auto (2 risp.)
 presunzione di conoscenza
 Altre news... (4 risp.)
 test a castelleto di branduzzo
 Raduni (35 risp.)
 moto piccola per nani ? no, grazie...
 Mondo Moto (1 risp.)
 bici elettrica quale scegliere
 Mondo Moto (47 risp.)
 vigonovo (ve) 11/09/2022
 Raduni (56 risp.)
 carolina squat
 Mondo Auto (2 risp.)
 adeguamento istat multe da gennaio...
 Altre news... (2 risp.)
 e fanculo all'inquinamento
 Ambiente (34 risp.)
 novità patenti a2 e a3 moto: nient...
 Mondo Moto (25 risp.)

+  ilPistone.com
|-+  Motori
| |-+  Mondo Auto
| | |-+  Auto elettrica "autogol" per l'Italia?
Pagine: [1] Vai Giù Stampa
   Auto elettrica "autogol" per l'Italia?   Vai Giù Vai Su Le News Indice del forum
Patarix Alessandro
Febbraio 18, 2022, 13:33:04 pm
Global Moderator, V12, 12565 posts
Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, torna a parlare della transizione nel mondo dell'auto per ribadire l’allarme già lanciato nei mesi scorsi: “Con questa furia per l’elettrico ideologica, etica, rischiamo l’autogol”.

Le alternative da accompagnare all'elettrificazione le indica lui stesso in un’intervista al Corriere della Sera: in Italia “abbiamo brevetti fra i più avanzati nei biocarburanti”, mentre “l’auto ibrida, che ora non piace, può avere un ruolo”, soprattutto “in assenza di una rete adeguata di colonnine di ricarica”. La posizione del Governo appare dunque netta: “Siamo per il principio di emissioni zero, ma sulla base della neutralità tecnologica”.

Pericolo dalla Cina
Il discorso, per il ministro, vale nonostante sia l’Unione europea che la Cop26 in Scozia non abbiano formalmente "imposto" la conversione all’auto elettrica, ma solo un più generico addio ai motori con impatto sul clima. Secondo Giorgetti, però, “l’imposizione è chiara”. E ricorda: “Quando alla Cop26 di Glasgow c’è stata la dichiarazione sull’ineluttabilità dell’elettrico, solo la Germania e noi abbiamo votato contro”.

Il titolare del Mise è perciò d’accordo con il ceo di Stellantis, che aveva definito la rivoluzione elettrica come una scelta politica, non pienamente appoggiata dalla filiera: “La penso come Tavares – specifica il ministro –. Va abbattuta la CO2, sì. Ma manca una valutazione industriale, sulla sovranità tecnologica e l’autonomia strategica dell’Europa”.

“In tutta questa febbre per l’auto elettrica – aggiunge –, chi fornisce le materie prime è la Cina. È lì il controllo di gran parte del litio, cobalto, silicio. Significa mettere il primo settore manifatturiero d’Europa in mano ad altri, lontano da noi. Possibile che nessuno ci pensi?”.

Della stessa linea è il segretario della Lega, Matteo Salvini, che parla a “Non stop news” su RTL 102.5: “Io sono per il ritorno alla produzione dell’energia nucleare. La producono in Francia e anche nella verde Finlandia. Non possiamo rimanere a piedi. Tutelare l’ambiente con eolico ecc, ma occorre buon senso anche per le auto. È una follia pensare di non produrre più le macchine a benzina e diesel e favorire la Cina”.

Cosa bisogna fare
Per evitare di avvantaggiare ancora il Dragone, Giorgetti dà la sua ricetta, che comprende una serie di mosse: “In primo luogo dobbiamo reintrodurre incentivi per attivare il mercato di tutti i veicoli ecocompatibili, non solo elettrici. Poi siamo molto vicini, questione di pochi giorni, alla firma per la Gigafactory di Termoli, dove Stellantis farà le batterie”.

“Ma – continua – la nuova filiera elettrica richiederà comunque metà della manodopera oggi impiegata da quella tradizionale. Le imprese dell’automotive vanno aiutate a riconvertirsi, rendendo disponibili gli accordi di programma e i contratti di sviluppo. Ma sono strumenti troppo lenti, burocratici. Questo settore va finanziato massicciamente, lo abbiamo già chiesto al ministero dell’Economia”.

Cosa servono di preciso? “Incentivi ad aggregarsi, ingresso nelle filiere a monte e a valle dell’elettrico. Per esempio, nel riciclo delle batterie. O nella produzione di bus verdi in Italia, altrimenti i 4 miliardi che abbiamo su questo nel Pnrr finiremo per spedirli in Cina”.

Gli occhi a questo punto sono puntati sul prossimo Consiglio dei ministri di giovedì. Qualche novità per l'auto potrebbe arrivare già in quella sede?


Fonte: https://it.motor1.com/news/567242/giorgetti-auto-elettriche-salvini-lega/

Panama: "Where the World meets"
patarix2@hotmail.com Guarda Profilo WWW Email  Loggato 
   Re: Auto elettrica "autogol" per l'Italia?   Vai Giù Vai Su Le News Indice del forum
abrasda catrame bruciabenzina sinfonico
Febbraio 21, 2022, 11:13:37 am
Utente standard, V12, 8004 posts
Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, torna a parlare della transizione nel mondo dell'auto per ribadire l’allarme già lanciato nei mesi scorsi: “Con questa furia per l’elettrico ideologica, etica, rischiamo l’autogol”.

Le alternative da accompagnare all'elettrificazione le indica lui stesso in un’intervista al Corriere della Sera: in Italia “abbiamo brevetti fra i più avanzati nei biocarburanti”, mentre “l’auto ibrida, che ora non piace, può avere un ruolo”, soprattutto “in assenza di una rete adeguata di colonnine di ricarica”. La posizione del Governo appare dunque netta: “Siamo per il principio di emissioni zero, ma sulla base della neutralità tecnologica”.

Pericolo dalla Cina
Il discorso, per il ministro, vale nonostante sia l’Unione europea che la Cop26 in Scozia non abbiano formalmente "imposto" la conversione all’auto elettrica, ma solo un più generico addio ai motori con impatto sul clima. Secondo Giorgetti, però, “l’imposizione è chiara”. E ricorda: “Quando alla Cop26 di Glasgow c’è stata la dichiarazione sull’ineluttabilità dell’elettrico, solo la Germania e noi abbiamo votato contro”.

Il titolare del Mise è perciò d’accordo con il ceo di Stellantis, che aveva definito la rivoluzione elettrica come una scelta politica, non pienamente appoggiata dalla filiera: “La penso come Tavares – specifica il ministro –. Va abbattuta la CO2, sì. Ma manca una valutazione industriale, sulla sovranità tecnologica e l’autonomia strategica dell’Europa”.

“In tutta questa febbre per l’auto elettrica – aggiunge –, chi fornisce le materie prime è la Cina. È lì il controllo di gran parte del litio, cobalto, silicio. Significa mettere il primo settore manifatturiero d’Europa in mano ad altri, lontano da noi. Possibile che nessuno ci pensi?”.

Della stessa linea è il segretario della Lega, Matteo Salvini, che parla a “Non stop news” su RTL 102.5: “Io sono per il ritorno alla produzione dell’energia nucleare. La producono in Francia e anche nella verde Finlandia. Non possiamo rimanere a piedi. Tutelare l’ambiente con eolico ecc, ma occorre buon senso anche per le auto. È una follia pensare di non produrre più le macchine a benzina e diesel e favorire la Cina”.

Cosa bisogna fare
Per evitare di avvantaggiare ancora il Dragone, Giorgetti dà la sua ricetta, che comprende una serie di mosse: “In primo luogo dobbiamo reintrodurre incentivi per attivare il mercato di tutti i veicoli ecocompatibili, non solo elettrici. Poi siamo molto vicini, questione di pochi giorni, alla firma per la Gigafactory di Termoli, dove Stellantis farà le batterie”.

“Ma – continua – la nuova filiera elettrica richiederà comunque metà della manodopera oggi impiegata da quella tradizionale. Le imprese dell’automotive vanno aiutate a riconvertirsi, rendendo disponibili gli accordi di programma e i contratti di sviluppo. Ma sono strumenti troppo lenti, burocratici. Questo settore va finanziato massicciamente, lo abbiamo già chiesto al ministero dell’Economia”.

Cosa servono di preciso? “Incentivi ad aggregarsi, ingresso nelle filiere a monte e a valle dell’elettrico. Per esempio, nel riciclo delle batterie. O nella produzione di bus verdi in Italia, altrimenti i 4 miliardi che abbiamo su questo nel Pnrr finiremo per spedirli in Cina”.

Gli occhi a questo punto sono puntati sul prossimo Consiglio dei ministri di giovedì. Qualche novità per l'auto potrebbe arrivare già in quella sede?


Fonte: https://it.motor1.com/news/567242/giorgetti-auto-elettriche-salvini-lega/
mi sembra che non abbiano le idee chiare, prima si lancia un allarme ma poi si vogliono dare soldi per finanziare i bev
Guarda Profilo Email  Loggato 
   Re: Auto elettrica "autogol" per l'Italia?   Vai Giù Vai Su Le News Indice del forum
ChS ///M Power
Febbraio 21, 2022, 13:43:14 pm
Utente standard, V12, 3320 posts
Peccato che stampa e governo continuino a negare i problemi dell'elettrico sia in Italia che in Europa, basta parlare con qualche pezzo grosso di Terna o In Rete per scoprire la verità
Guarda Profilo  Loggato 
Pagine: [1] Vai Su Stampa 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP ilPistone.com | Powered by SMF 1.0.2.
© 2001-2004, Lewis Media. All Rights Reserved.
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.053 secondi con 25 queries.