403 Visitatori + 0 Utenti = 403


 primo serio test del van: 300 km c...
 Test su strada (1 risp.)
 novità patenti a2 e a3 moto: nient...
 Mondo Moto (24 risp.)
 [momento storico] ho preso nuova a...
 Mondo Auto (66 risp.)
 audi q6 tfsi 2023
 Mondo Auto (13 risp.)
 15 nuovi sistemi di sicurezza obbl...
 Altre news... (3 risp.)
 fenomeno del giorno
 Archivio media (2213 risp.)
 bmw i4 e ix: richiamo batteria e d...
 Altre news... (10 risp.)
 vettel si ritira
 Sport (14 risp.)
 le app delle auto
 Mondo Auto (78 risp.)
 f1 2022
 Sport (38 risp.)
 vendo caballero 500 scrambler delu...
 Vendo (5 risp.)
 koenigsegg si chiede come le hyper...
 Altre news... (4 risp.)
 fan..... gli adas
 Tecnica (12 risp.)
 taxi fuori dal ddl concorrenza (no...
 Mondo Auto (9 risp.)
 honda civic type r (2023)
 Altre news... (4 risp.)
 ferrari f355 v kia ev6: drag race
 Archivio media (19 risp.)
 bolla auto storiche
 Auto d'epoca (37 risp.)
 incentivi retrofit elettrico: fino...
 Mondo Auto (9 risp.)
 una pisciata da 5000 euro
 Altre news... (19 risp.)
 chevrolet blazer ev
 Altre news... (1 risp.)
 ford f-150 raptor r (700cv - v8)
 Altre news... (16 risp.)
 renault refactory: allungavita per...
 Mondo Auto (0 risp.)
 2035 stop alla vendita delle termi...
 Mondo Auto (63 risp.)
 test cooper s russia
 Test su strada (8 risp.)
 mancano i ricambi: concessionaria ...
 Mondo Auto (33 risp.)
 e con le multe ci paghiamo le boll...
 Difendersi dalle multe ingiuste (5 risp.)
 alfa romeo giulia erreerre fuorise...
 Altre news... (4 risp.)
 già finito l'amore per l'auto elet...
 Altre news... (32 risp.)
 you will own nothing and be happy
 Mondo Auto (19 risp.)
 cina: incentivi per auto a motore ...
 Altre news... (4 risp.)
 patente digitale dal 2023
 Mondo Auto (2 risp.)
 honda cr-v (2022)
 Altre news... (1 risp.)
 suv e multe
 Mondo Auto (10 risp.)
 info pratiche iscrizione auto vent...
 Mondo Auto (12 risp.)
 per voi ricaleranno i prezzi??
 Mondo Auto (8 risp.)
 citroën c4 x
 Altre news... (3 risp.)
 svizzera: tassa sulle auto elettri...
 Altre news... (0 risp.)
 volkswagen amarok 2022
 Altre news... (0 risp.)
 nissan ariya
 Altre news... (18 risp.)
 tesla rimorchio range extender (+s...
 Altre news... (9 risp.)
 costi manutenzione auto elettriche...
 Altre news... (2 risp.)
 ford e gm: sorpasso su tesla entro...
 Altre news... (1 risp.)
 jaguar: dal 2025 stop a benzina e ...
 Altre news... (5 risp.)
 isa: limitatore automatico di velo...
 Altre news... (19 risp.)
 stellantis: gigafactory in italia
 Altre news... (4 risp.)
 quesito su suv tp
 Altre news... (18 risp.)
 losna che fa velo, honda, beta, fa...
 Mondo Moto (157 risp.)
 peugeot 408
 Altre news... (7 risp.)
 proroga taglio accise carburanti
 Altre news... (17 risp.)
 un mondo pieno di allocchi
 Mondo Auto (5 risp.)
 premio "bisonte elettrico ins...
 Ambiente (22 risp.)
 io non posso credere
 Mondo Auto (26 risp.)
 nemmeno io posso credere...
 Ambiente (3 risp.)
 bmw m3 touring
 Altre news... (15 risp.)
 consumi reali ibride plug-in: il t...
 Altre news... (14 risp.)
 si cambia lavatrice (ma non così p...
 Mondo Auto (23 risp.)
 yamaha kaputt
 Mondo Moto (24 risp.)
 muscle car
 Auto d'epoca (328 risp.)
 si torna a correre in svizzera?
 Sport (8 risp.)
 datemi pure consigli, tanto l'ho g...
 Consigli per l'acquisto (104 risp.)
 tesla: 950mila consegne nel 2021
 Altre news... (30 risp.)
 curve ricarica elettrica
 Mondo Auto (2 risp.)
 crisi dei ricambi
 Mondo Auto (1 risp.)
 audi s3 (2017)
 Test su strada (10 risp.)
 stop and go al posto della multa
 Difendersi dalle multe ingiuste (3 risp.)
 toyota aygo: scoppio improvviso ai...
 Service (0 risp.)
 lazy 67
 Presentazioni e censimento (5 risp.)
 tappo
 Presentazioni e censimento (0 risp.)

+  ilPistone.com
|-+  Motori
| |-+  Mondo Auto
| | |-+  2035 stop alla vendita delle termiche
Pagine: 1 ... 3 4 [5] Vai Giù Stampa
   Re: 2035 stop alla vendita delle termiche    Vai Giù Vai Su Le News Indice del forum
baranzo Nothing's as it seems!
Luglio 02, 2022, 14:18:42 pm
Global Moderator, V12, 26657 posts
I due pesi e due misure non vanno mai bene (specie se, guardacaso, privilegiano le nicchie piu' benestanti).

Bisogna decidere: o un veicolo di un certo tipo inquina in quanto tale, oppure inquina anche in base ai km percorsi. Se decidiamo che inquina anche secondo i km percorsi (che in effetti sarebbe giusto), allora facciamo circolare liberamente le rarissime Trabant e blocchiamo i supersuv nuovi di alta gamma.
Moltiplicare per 5 il prezzo dei carburanti e problemi risolti.

“La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza.” (G. Orwell, 1984)
Guarda Profilo Email  Loggato 
   Re: 2035 stop alla vendita delle termiche    Vai Giù Vai Su Le News Indice del forum
Homer
Luglio 02, 2022, 18:00:05 pm
Staff, V12, 88793 posts
Ma non ho capito una cosa…per stop alla vendita delle termiche si intendono anche phev?

Giorgio (TO, 44, 120, 75, 95)
   Ford Focus SW 1.5 Ecoblue ST Line AT8 2021
   Suzuki Vitara 1.6 HT 1989
   Triumph Tiger 800 XCa 2019
ggg1677@hotmail.com Guarda Profilo Email  Loggato 
   Re: 2035 stop alla vendita delle termiche    Vai Giù Vai Su Le News Indice del forum
Patarix Alessandro
Luglio 02, 2022, 19:01:28 pm
Global Moderator, V12, 12467 posts
Ma non ho capito una cosa…per stop alla vendita delle termiche si intendono anche phev?

Stop benzina e diesel 2035: spiraglio per carburanti sintetici e plug-in

Nella notte tra il 28 e il 29 giugno 2022 il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dei Paesi UE ha raggiunto l’accordo sul piano Fit for 55 per il clima, che prevede di ridurre entro il 2030 le emissioni del 55% rispetto ai livelli del 1990, per poi raggiungere il 100% entro il 2050. Com’è noto, uno dei punti basilari del piano comporta lo stop definitivo alla vendita di nuove auto e furgoni a benzina, diesel e con motori endotermici in genere entro il 2035, con passaggio intermedio nel 2030 (-55% di emissioni di CO2 per le auto e 50% per i veicoli commerciali medi e leggeri).

Lo stop è stato confermato, tuttavia l’accordo tra i ministri dell’ambiente europei contempla tre novità importanti: una verifica futura sulle condizioni di realizzabilità del piano, fissata nel 2026; la possibilità di considerare tecnologie come i carburanti sintetici e l’ibrido plug-in; il blocco degli incentivi statali per le auto a zero e a basse emissioni dal 2030.

STOP BENZINA E DIESEL: NEL 2026 IL PUNTO DELLA SITUAZIONE
Per quanto riguarda il primo punto, nel 2026 la Commissione europea valuterà i progressi compiuti verso il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni del 100% e la necessità di riesaminare tali obiettivi, con particolare riguardo alla sostenibilità sociale, al costo per gli automobilisti e all’impatto sulle aziende del settore. In altri termini tra quattro anni si traccerà un primo bilancio per verificare se la strada intrapresa è quella giusta o se sarà necessario un cambio di rotta, magari solo parziale, in base alle conseguenze che avrà avuto la transizione ecologica su cittadini e imprese. Qualcuno l’ha definita una sorta di exit-strategy qualora l’accelerazione verso le zero emissioni dovesse risultare troppo ‘aggressiva’.

STOP BENZINA E DIESEL: NON SOLO AUTO ELETTRICHE, SPIRAGLIO PER CARBURANTI SINTETICI E PLUG-IN
Ancora più interessante, a nostro parere, l’apertura ai carburanti sintetici e ai motori ibridi plug-in, che di fatto mette per la prima volta in discussione la scelta (fin qui netta) a favore della motorizzazione 100% elettrica. Su richiesta di alcuni Paesi tra cui Germania e Italia, l’accordo prevede infatti di considerare un futuro via libera per l’uso di tecnologie alternative come carburanti sintetici o plug-in hybrid se saranno capaci, nelle loro future evoluzioni, di raggiungere la completa eliminazione delle emissioni di gas serra.

Su questa possibilità si registra però lo scetticismo di un pezzo grosso della nomenclatura UE, il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans, secondo cui “i carburanti sintetici non sembrano una possibilità realistica per via dei costi proibitivi” e “le auto ibride a oggi non permettono di conseguire l’obiettivo emissioni zero“. Timmermans ha aggiunto però che se i costruttori da qui alla verifica del 2026 dimostreranno di poter raggiungere tale obiettivo per mezzo di tecnologie alternative all’elettrico, saranno prese in considerazione con mente aperta.

Anche Veronica Aneris, direttrice di Transport & Environment Italia, ha bocciato i carburanti sintetici perché a suo dire “non sono soluzioni adatte né utili per il settore automotive“.


INCENTIVI SOLO FINO AL 2030
In terza battuta è stato deciso lo stop al meccanismo di incentivi normativi per i veicoli ecologici a partire dal 2030. Significa che da quella data il mercato delle vetture green dovrà essere in grado di andare avanti con le proprie forze (come ha deciso per esempio il Regno Unito), senza ‘aiutini’ dallo Stato. Da notare che l’Italia ha messo in piedi un meccanismo di incentivi statali per auto elettriche, ibride e a basse emissioni che arriva proprio al 2030.

Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dei Paesi UE ha infine confermato la proroga di 5 anni dell’esenzione dagli obblighi di Co2 concessa ai produttori cosiddetti ‘di nicchia’, cioè quelli che realizzano meno di 10.000 veicoli all’anno, fino alla fine del 2035. Proroga di cui beneficeranno in particolare i marchi di lusso italiani.

STOP BENZINA E DIESEL: I PROSSIMI PASSAGGI NORMATIVI
Ovviamente non c’è ancora nulla di concluso perché l’accordo trovato dai ministri dell’ambiente UE è solamente propedeutico all’avvio dei complessi negoziati che inizieranno a breve con il Parlamento europeo e con la Commissione, al fine di trovare un punto d’incontro sui testi legislativi definitivi da presentare successivamente ai vari Stati per la loro adozione nelle normative nazionali. Insomma, è ancora lunga.


Fonte: https://www.sicurauto.it/news/attualita-e-curiosita/stop-benzina-e-diesel-2035-spiraglio-per-carburanti-sintetici-e-plug-in/

Panama: "Where the World meets"
patarix2@hotmail.com Guarda Profilo WWW Email  Loggato 
   Re: 2035 stop alla vendita delle termiche    Vai Giù Vai Su Le News Indice del forum
Patarix Alessandro
Luglio 19, 2022, 20:47:33 pm
Global Moderator, V12, 12467 posts
Come si prepara l’Italia per lo stop alle auto termiche dal 2035

Industria e politica fanno il punto sulla transizione nella Penisola in un convegno del PD, tra risorse dall'Europa e "piani organici"

Ancora 13 anni. Poi, salvo ripensamenti dell'Europa, le auto a combustione dovranno dire addio alle concessionarie, sempre che non trovino prima un modo per viaggiare a zero emissioni. Il 2035 è uno spartiacque storico per il settore delle quattro ruote, chiamato alla più grande trasformazione dalla sua nascita, datata oltre un secolo e mezzo fa.

Ma come si sta organizzando l’Italia per presentarsi all’appuntamento? L’interrogativo è stato al centro del convegno “L’auto tra crisi e transizione ecologica”, organizzato dai deputati del Partito democratico per stimolare un confronto fra industria e politica.

Ad alimentare la discussione anche l’analisi presentata nell'occasione dal Centro Studi Promotor, che parla di una produzione italiana calata in 32 anni, dalle quasi 2 milioni di vetture del 1989 alle 442.432 del 2021. E il conto lo sta pagando anche la filiera della componentistica, che nel 2016 registrava 57,2 miliardi di entrate, contro i 44,8 miliardi di fatturato del 2020.


Aiuti dall’Europa
Una delle tante risposte non può che arrivare dalla stessa Europa, impegnata in prima linea per una mobilità a zero emissioni. Ne è convinto Andrea Orlando, che ha tenuto a partecipare all'evento nonostante il terremoto nel Governo. A suo giudizio, “bisognerebbe chiedere delle risorse all’Ue, anche per mettere in moto alcune dinamiche di reshoring”.

Ci sono dei settori – continua il suo intervento – che non soffriranno e non è detto che abbiano interesse a produrre dall’altra parte di un mondo diventato molto più complicato dopo il conflitto in Ucraina”. Servono perciò “forme di incentivi alla rilocalizzazione di alcuni segmenti”.

L’idea è di organizzare “degli Stati generali della transizione ecologica, per capire come si ripartiscono i pesi, quali sono i segmenti della filiera che saranno più in sofferenza e come gli altri segmenti aiutano quei pezzi”.

Orlando sa dunque che il discorso merita una riflessione molto profonda e che limitarsi a chiedere e distribuire risorse senza un piano non basta: “Dobbiamo fare un ragionamento di carattere sistemico, non un ping-pong tra incentivi e scelte di carattere imprenditoriale”. In poche parole, bisogna “coordinare gli investimenti pubblici con quelli privati”.


Ultimo vagone del treno
L’Italia rimane però indietro rispetto al resto del Vecchio Continente. Il quadro della situazione lo riassume Michele Crisci, presidente di Unrae, che ricorda come l’auto elettrica pesi ancora “pochissimo” nel nostro Paese.

Siamo il peggiore dei mercati tra i top europei”, è il confronto con Francia, Germania, Regno Unito e Spagna. Le colpe? Fra le tante, anche le poche colonnine installate: “Non riusciamo, per esempio, a esprimere un livello di infrastrutturazione che sia comparabile agli altri Stati più avanzati in Europa”.

Fortunatamente le cose stanno cambiando. Ma il discorso va purtroppo oltre le stazioni di ricarica: “Gli incentivi all’elettrico non funzionano perché sono rimaste fuori le aziende”. Ed è un peccato, insiste Crisci, visto che “la transizione è una grandissima opportunità”.

Come portarla avanti? Unrae è "per la neutralità tecnologica, che significa prendere tutte le tecnologie disponibili e fare in modo che siano comprese dal mercato e dal pubblico".


Laboratorio Italia
Un approccio neutrale condiviso da Gianmarco Giorda, direttore generale di Anfia: “Oltre alla mobilità elettrica, che vediamo come la tecnologia del futuro – sostiene –, ci dovrà essere spazio anche per le altre, come i biocombustibili, i carburanti sintetici o l’idrogeno per il motore termico”.

Tra i motivi di questo approccio, il dominio della Cina sulle batterie, che controlla circa l’80% della filiera. Ma una soluzione per Giorda c’è: “È fondamentale portare in Europa e in Italia attività come raffinazione dei metalli, chimica e termica, che poi vengono trasformati in polveri e trasferiti alle gigafactory”.

L’altra strada da percorrere è “un piano di politiche industriali vero per il Paese, con strumenti che dovranno affiancarsi a quelli esistenti, da utilizzare soprattutto per quelle 400-450 aziende che oggi lavorano nel settore del powertrain tradizionale e che tra qualche anno avranno grandi problemi in Europa per gestire i cali di volume”.


Fonte: https://it.motor1.com/news/599193/italia-stop-benzina-diesel-2035/

Panama: "Where the World meets"
patarix2@hotmail.com Guarda Profilo WWW Email  Loggato 
Pagine: 1 ... 3 4 [5] Vai Su Stampa 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP ilPistone.com | Powered by SMF 1.0.2.
© 2001-2004, Lewis Media. All Rights Reserved.
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.062 secondi con 25 queries.